La Fiera

about icons

Fiera “GUSTO MEDITERRANEO”… per vivere in salute!

Benvenuti !

La Fiera “GUSTO MEDITERRANEO” è la prima Fiera Nazionale dedicata all’agricoltura moderna nelle sue molteplici sfaccettature: ruralità, biodiversità, ambiente, paesaggio, biologico, agriturismo, B&B, turismo rurale, fattorie didattiche, cultura contadina, ecc. IN FIERA: Salone degli Agriturismi, Salone della Piccola Ricettività, Salone del Biologico, Salone del Vino, Salone dell’Olio e del Pane. Con la partecipazione dei GAL, Distretti Turistici e delle Regioni meridionali. EVENTI: Festival della Pizza, Degustazioni di Vini Irpini e Sanniti. MOSTRE: “La Macchina di Leonardo Da Vinci”, “Piccolo Zoo”. CONVEGNI, DIBATTITI, WORKSHOP .

about icons

Premessa

l Sud dispone di un patrimonio attrattivo ampio e diversificato capace di soddisfare le più diverse esigenze del turismo nazionale e internazionale, di acquisire posizioni di prestigio su nuovi mercati e di consolidare ulteriormente la competitività maturata su mercati turistici già sviluppati. Occorre puntare a soddisfare ogni esigenza del turista, tenendo conto delle motivazioni che spingono il medesimo a scegliere di viaggiare, tentando di cogliere le aspettative riposte.  È necessario promuovere le attrattive turistiche come “prodotti” da collocare sul mercato per rispondere ai bisogni dei “consumatori”, attraverso una politica di promozione dell’immagine turistica della “Destinazione Sud” che mira a definire, migliorare ed affermare la professionalità, l’esperienza e l’organizzazione degli operatori turistici istituzionali e privati. Il disegno complessivo delle azioni di comunicazione e promozione dovrà essere orientato alla valorizzazione di tutte le opportunità di scoperta, viaggio e soggiorno in grado di offrire la permanenza sul territorio meridionale, puntando sulla cultura, sull’ambiente, sui paesaggi, sulla natura, sulle eccellenze nel campo enogastronomico (con i numerosi prodotti tipici di cui sta rapidamente crescendo la notorietà), sulle tradizioni, sul clima, sull’offerta di benessere che al Sud Italia offre un peculiare mix di elementi. La rete e il sistema dovranno porsi come elementi cardini per poter garantire un effetto moltiplicativo dei benefici materiali ed immateriali, connessi ad una politica di promozione turistica che valorizzi la risorsa “turismo” in termini di ricchezza, produttività, di lavoro e di crescita. Per una migliore valorizzazione, in modo armonioso e coerente, delle caratteristiche del territorio del Sud Italia, in termini di accoglienza, ospitalità, qualità dell’offerta turistica, le azioni di comunicazione, promozione e marketing territoriale devono essere calibrate secondo il target del turista di riferimento al fine di ottenere una più incisiva penetrazione nei mercati specializzati. In aggiunta alle attività di promozione sopra descritte, si deve puntare anche all’elaborazione di un programma di eventi promozionali di risonanza nazionale e internazionale e di notevole impatto mediatico in grado di convogliare, nel periodo di svolgimento delle manifestazioni, flussi turistici mirati. Tale strumento assume una fondamentale importanza per realizzare efficaci azioni di marketing finalizzati al riposizionamento del “Prodotto Sud Italia” sul mercato nazionale ed estero. Attraverso un’operazione sistematica di valorizzazione dei beni culturali in chiave turistica mai realizzati nel Sud Italia, con l’obiettivo di mettere a sistema l’immenso patrimonio esistente: dai grandi attrattori culturali, come l’area archeologica vesuviana o le reggi borboniche ai piccoli gioielli delle aree interne, tesori spesso dimenticati, ma di particolare interesse storico e artistico e di permettere ai turisti di crearsi un viaggio su misura, seguendo le proprie emozioni e i propri gusti anche attraverso l’ampliamento degli “info point” cittadini e nelle principali realtà turistiche culturali, le aperture straordinarie di luoghi normalmente chiusi al pubblico e la le realizzazioni di eventi serali tutto l’anno, in location turistiche e culturali di grande prestigio. Pertanto, le manifestazioni fieristiche, come “GUSTO MEDITERRANEO”, rappresentano appuntamenti fondamentali per la promozione del prodotto turistico “Sud Italia” sui mercati nazionali e internazionali. La diretta interazione tra gli operatori e le istituzioni campane da un lato e il pubblico generalista e professionale dall’altro, all’interno di una location direttamente riconducibile ad un contesto di viaggio, consente una migliore veicolazione del messaggio promozionale e commerciale. In tale ambito, la Società Fiere ed Eventi realizzerà ed organizzerà una fiera specializzata nel settore “agri-turistico” ed “enogastronomico”, allo scopo di migliorare, promuovere e commercializzare l’immagine del prodotto turistico regionale e del Sud Italia. .

beautiful background image

LA FIERA

Con queste cifre molto interessanti e incoraggianti, aprirà la 1° edizione di “GUSTO MEDITERRANEO” , la fiera di settore pensata e dedicata alle aziende agrituristiche italiane, con particolare riguardo verso quelle Meridionali. La rassegna metterà in “mostra” un gran numero di agriturismi, diversi territori rurali (Regioni, Province, Comuni, Camere di Commercio, Comunità Montane, Strade del Vino, Associazioni Specializzate nel Turismo Rurale, Associazioni Animaliste, Confagricoltura), le dimore storiche, B&B di charme, degustazioni di prodotti enogastronomici d’eccellenza, prodotti biologici, turismo termale e aziende specializzate nella fornitura di arredi e attrezzature. L’evento si terrà dal 12 al 14 ottobre ad Ariano Irpino (AV), presso il Centro Fiere della Campania, a pochi chilometri dal casello autostradale di Grottaminarda sulla NA-BA. Un viaggio alla scoperta delle straordinarie bellezze naturali e delle intramontabili tradizioni del Sud Italia. Il connubio tra agriturismi, agricoltura biologica, distretti turistici, Gal, B&B ed enogastronomia è inscindibile. Pertanto ci saranno appuntamenti dedicati ai prodotti tipici ruarali, come si riconoscono e come si cucinano. Da evidenziare l’impegno della Fiere ed Eventi Srls nella valorizzazione e diffusione delle piccole e medie imprese del Meridione impegnate a produrre prodotti nel rispetto e nella continuità delle tradizioni. I riflettori della fiera “GUSTO MEDITERRANEO” verranno puntati soprattutto sulle Aziende agrituristiche impegnate alla ricerca, alla difesa, alla diffusione delle eccellenze del Sud Italia. Realizzeremo dei veri e propri scorci di vita rurale, dove i bambini potranno vedere e toccare gli animali da cortile, non mancheranno le pecorelle, le caprette, gli asinelli, i porcellini, ecc….e quando si è stanchi, tutti ad assaporare (gli agrituristi potranno provare il piatto tipico degustato) la cucina contadina degli agriturismi in fiera.

about icons

Obiettivi

La Fiera costituisce una vetrina fondamentale per poter presentare la propria azienda su un palco privilegiato, avere la possibilità di conoscere l’operato delle aziende concorrenti e stabilire importanti partnership commerciali. Pertanto lo stand resta il primo strumento di marketing e il primo veicolo per l’immagine dell’azienda. Esporre in fiera è un’opportunità unica per creare o aggiungere valore all’immagine della propria impresa nei confronti di tutti coloro con i quali l’impresa si relaziona quotidianamente: clienti, collaboratori, dipendenti, fornitori, partner, investitori. Obiettivo dell’appuntamento “GUSTO MEDITERRANEO” è quello di far conoscere il prodotto “agriturismo”, per raggiungere sempre più clienti, e fare in modo che la fiera sia il mezzo di comunicazione che più influisce sui fattori di successo delle imprese. Gli allestimenti saranno studiati per facilitare la relazione produttore/consumatore, come inizio di transazioni commerciali. Il visitatore, inoltre, potrà ottenere informazioni concrete visionando direttamente il prodotto e contattando personalmente lo “staff”. Le nuove tecnologie informatiche trasformano i “Market Event”, luoghi di confronto e competizione tra le aziende espositrici, in “Business Event”, reali spazi di incontro espositore/consumatore che, spesso, si trasformano in momenti di vendita e acquisto. Si tratta, quindi, di un aspetto che ha come specifica peculiare quella di incidere direttamente sul territorio, in quanto l’evento fieristico nel suo complesso costituisce un volano per incentivare l’economia dell’intero ambito geografico. La fiera, nella sua accezione, ha ulteriori caratteristiche, cioè si avvale della vendita visuale e di ogni mezzo di richiamo e di persuasione, applica il principio di trovare tutto sotto lo stesso tetto. Il fine è di sostenere la valorizzazione e la promozione dei prodotti/servizi agrituristici del Sud Italia, guardando alle caratteristiche del comparto e provando a mettere insieme le differenti esigenze di un progetto unitario di grande visibilità e prestigio per il territorio Meridionale: incrementare l’immagine, le prospettive economiche ed occupazionali del territorio. Con la fiera si vogliono evidenziare l’altissima qualità delle produzioni e dei servizi offerti, frutto delle competenze acquisite per esperienza; l’abilità culinaria delle nostre nonne è stata trasformata ed amplificata dall’innovazione delle lavorazioni, dall’alto valore estetico del prodotto che ha valorizzato il prodotto locale e l’alto contenuto creativo. Sarà motore dello sviluppo in quanto permetterà di potenziare alcune dimensioni critiche delle attività imprenditoriali.La fiera vuol diventare “Sentiero di Sviluppo”, cioè mira a far evolvere la tradizionale formula dell’agriturismo verso modelli imprenditoriali più evoluti attraverso:

la capacità di autoriproduzione, frutto sia dell’attenta gestione dei processi di successione familiare, sia della forza di attrazione di soggetti esterni al mondo agricolo che permette di inserire nuovi attori spesso non appartenenti al contesto locale
la professionalizzazione, intesa come rafforzamento in senso imprenditoriale delle originarie componenti agricole, culinarie, turistiche ereditate dai nostri nonni
la terziarizzazione evoluta, che può far approdare l’impresa tanto verso servizi particolarmente innovativi, quanto verso pacchetti di offerta compositi dove le imprese si collegano a servizi tradizionali (circuiti turistici, ecc.) o culturali (circuiti museali, percorsi enogastronomici, ecc.)
la de-marginalizzazione, ovvero il tentativo di recuperare quegli agricoltori che, per ragioni personali o professionali (raggiungimento dell’età della pensione, ragioni di salute, assenza di familiari disponibili a subentrare nell’attività, ecc.) abbiano lasciato decadere l’attività ad un livello di “agriturismo marginale”.
skills image
about icons

Programma

La fiera sarà un appuntamento importante per chi si occupa professionalmente di Agriturismi, un’occasione di confronto, di immagine, comunicazione promozionale e, soprattutto, commerciale. Uno straordinario palcoscenico dove tutti si sentiranno protagonisti dell’evento. Gli agrituristi potranno vedere, toccare, incontrare, assaggiare e acquistare i prodotti, prenotare la prossima vacanza direttamente con i titolari delle strutture agrituristiche. L’organizzazione accurata e la scelta oculata dei partecipanti, selezionati nel segno della qualità, saranno le armi vincenti della fiera che dovrà diventare un punto di riferimento del turismo rurale del Meridione. Una proposta fieristica interessante e di grande attrattiva: agriturismi rurali di montagna e di mare, dimore storiche, B&B, turismo termale, fattorie didattiche, aziende biologiche, aziende enogastronomiche impegnate nella ricerca, conservazione e diffusione delle eccellenze territoriali, artigianato locale, associazioni ambientaliste e animaliste ed, infine, ci sarà una sezione del salone interamente dedicata alle tecnologie e alle forniture del settore. Saranno esposti gli arredi, l’edilizia rurale tradizionale, i materiali e le attrezzature più innovative per la cura dello spazio verde, per le attività sportive e del tempo libero, per la preparazione degli alimenti e per tutte le altre attività di interesse degli ospiti degli agriturismi…tutti appassionatamente nel Centro Fiere della Campania. La fiera sarà un luogo alla scoperta delle bellezze e delle tradizioni della nostra terra, sarà come un trasmettitore di conoscenze e di valori culturali e storici da salvaguardare e di cui sviluppare la capacità di rispondere alle esigenze di nuovi Mercati di nicchia. Il visitatore/consumatore, dunque, non sarà mero spettatore, ma protagonista di un’esperienza completa che gli permetterà un viaggio nella storia e nel tempo coinvolgendo i sensi e la memoria. Un’occasione importante per le imprese specializzate nel turismo rurale che potranno presentare l’offerta agrituristica al “popolo” degli appassionati della vacanza in agriturismo, ma anche per chi, senza averlo ancora provato, è incuriosito da questo modo inusuale e intenso di vivere il territorio, potrà muoversi alla scoperta di luoghi, sapori, tradizioni e ospitalità, viaggiando virtualmente attraverso le più svariate offerte degli agriturismi italiani presenti negli stand. Si potranno assaporare i gusti più veri della tradizione culinaria grazie al Festival della cucina contadina. Sapori e territori saranno i grandi protagonisti del 1° concorso della cucina contadina, concorso enogastronomico rivolto esclusivamente alle aziende agrituristiche. Protagonista la “cucina contadina” del Sud Italia che propone ricette tradizionali utilizzando esclusivamente materie prime aziendali e locali. I sapori di una volta, una vera e propria rarità per i nostri giorni. Piatti in via di estinzione, quasi introvabili nelle cucine italiane, ma salvi grazie agli agriturismi italiani, Si tratta, infatti, di preparazioni che esistono da secoli e che esprimono la cultura, la storia e le tradizioni rurali dei territori italiani. I piatti della tradizione rurale sono tra i protagonisti della fiera, la cucina contadina è salva grazie al lavoro che le strutture agrituristiche hanno svolto in materia di promozione dei prodotti tipici. I visitatori, inoltre, avranno l’occasione di trovare, degustare e acquistare i prodotti tipici della campagna, ma è un’importante opportunità per orientarsi e programmare futuri itinerari e soggiorni tra le appetitose proposte degli Agriturismi in fiera. Ed, infine, è un’occasione perfetta per soggiornare, con offerte speciali riservate ai “gastroturisti” in visita a “GUSTO MEDITERRANEO”, in uno dei molti agriturismi della Campania, visitando i vicinissimi castelli, luoghi di fede, aree archeologiche, musei o percorrendo il Regio Tratturo e la Via Francigena.